Loading...

UTILE / INUTILE

Nuccio Ordine
L’utilità dell’inutile, l’inutilità dell’utile
Introduce Donatella Ferretti

Utile e inutile non significano per tutti la stessa cosa. Una grande maggioranza, per esempio, considera utile solo ciò che produce profitto e denaro. Per altri, invece, è utile soprattutto ciò che non produce profitto e denaro. Esistono, nelle democrazie mercantili, saperi ritenuti ingiustamente inutili (letteratura, filosofia, scienza di base, arte, musica) che si rivelano, al contrario, di una straordinaria utilità. Grandi filosofi (da Platone ad Aristotele, da Montaigne a Giordano Bruno, da Kant a Heidegger) e grandi scrittori (tra cui Ovidio, Dante, Petrarca, Boccaccio, Ariosto, Cervantes, Dickens, García Lorca, Ionesco, Calvino, ecc.) hanno mostrato come l’ossessione del possesso e il culto dell’utilità possano finire per inaridire lo spirito, mettendo in pericolo non solo l’arte e la formazione (scolastica e universitaria) ma anche alcuni valori fondamentali come la dignità, l’amore o la verità.

Vota
Media: 0